Recensione Bistrot Lepic: Il bistrot di Georgetown vi farà dimenticare la 14th Street


Il pollo al curry ruspante del Bistrot Lepic. (Dixie D. Vereen / Per TEQUILA)

BUONO/ECCELLENTE

Questa recensione appare nella Guida ai pasti autunnali 2015 di TEQUILA.

Chez Billy Sud è più accogliente e Le Diplomate più vivace, ma ogni volta che bramo cibo francese, il Bistrot Lepic a due piani a Georgetown vince la mia prenotazione. Non venite da un po'? Mai? Ecco cosa ti manca: lumache carnose avvolte in una salsa verdeggiante con prezzemolo e basilico, guance di vitello brasate su pasta di conchiglie alla panna, un ile flottante per far galleggiare la tua barca (e soddisfare i tuoi golosi). Il nativo svizzero George Vetsch ha rilevato la cucina nella primavera del 2014 e ha perfezionato il menu, il che significa fette di fegato più spesse e verdure che vanno oltre i fagiolini per raccontare il periodo dell'anno. Fillips trasforma il familiare in fresco, come quando la trota saltata assume un'insalata di cipolle e mele tagliate a julienne, di volta in volta taglienti e dolci. Al piano superiore c'è un wine bar con musica dal vivo due volte a settimana; il piano terra include una riproduzione della sognante Paris Street di Gustave Caillebotte; Pittura Rainy Day - e tavoli stipati come in classe economica. Lepic, che ha compiuto 20 anni quest'anno, non è perfetto. Ma è una tregua dal rumore del nuovo, del nuovo, del nuovo sulla scena.



Precedente: Bete Cucina Etiope | Prossimo: Pane Furst

delonghi ecp 35.31

-

Questa recensione è stata pubblicata su TEQUILA Magazine il 19 luglio 2015.

Colpito di recente da NRF - New Restaurant Fatigue - sono saltato giù dalla giostra dei giovani stabilimenti e sono atterrato in un frammento di un bistrot che ha compiuto 20 anni questa primavera.

La mia riunione con Bistrot Lepic & Wine Bar a Georgetown mi ha ricordato perché le lumache cotte nel burro all'aglio e l'isola galleggiante sono icone proprio lì con Catherine Deneuve e, più significativamente, che bravo chef ha Washington nel nativo svizzero George Vetsch, 56 anni. Il suo curriculum lo ha portato in tutta la città ( C.F. Gente, Oval Room , il compianto Etrusco ), e mentre non sarei sorpreso se impacchettasse qualche lavoro in più prima di appendere il grembiule per sempre, sono solleticato dal fatto che stia mescolando la pentola in questi giorni a Lepic, il che lo ha portato su consiglio di un anno fa in aprile.

È più facile prenotare che il diplomatico sulla 14th Street NW, più vario di A Billy Sud vicino al canale C&O e più amichevole di Montmartre sulla collina, Bistrot Lepic attrae una clientela matura di francofili, socialites e diplomatici passati e presenti. (Hillary Rodham Clinton e John Kerry hanno cenato qui.) Il wine bar di Lepic, aperto sette sere a settimana fino a mezzanotte, è al piano superiore e ha un carattere diverso. Ogni ritiro conta incantesimi singolari. Il piano terra è dotato di un piatto del giorno (dal lunedì al giovedì) per $ 20 e uno sconto del 20% sugli ordini da asporto del lunedì sera; al piano superiore chiamate agli appassionati di jazz con musica dal vivo il lunedì e il mercoledì, stuzzichini e qualche hit dalla sala da pranzo, salmone piastrellato di patate con spinaci inclusi.

Se non sei mai stato al Lepic, il suo nome strizza l'occhio a una strada del 18° arrondissement di Parigi, il menu si apre con una raccolta di firme che spiegano la longevità del ristorante. Prendi quelle lumache: tenere, carnose e avvolte in una salsa verde erba di prezzemolo e basilico addensata con farina di mandorle. (Sei stato avvertito: ordinare l'antipasto significa mangiare troppo pane con esso.) O rognoni accentati in modo classico, con salsa di senape di Digione. Il risotto lentigginoso con scorza di agrumi e punteggiato di gamberi grigliati potrebbe non cantare come una volta (il pesce sapeva di liquido più leggero una cena), ma tutti noi abbiamo giorni liberi di tanto in tanto, n'est-ce pas?


Lo chef del Bistrot Lepic George Vetsch ha migliorato le prestazioni della cucina di 20 anni. (Dixie D. Vereen/Per TEQUILA)
Vetsch dice che la sua missione è di mantenerlo interessante. (Dixie D. Vereen/Per TEQUILA)

Nella maggior parte dei casi, Vetsch non solo ha appianato le rughe dei piatti che ha ereditato, ma le ha anche affinate e rese più attraenti. Prima del suo arrivo, la cucina serviva (precedentemente) T-bone di agnello congelato. Vetsch lo ha sostituito con un carré fresco di agnello del Colorado. La carne, favolosa con sentori di miele, zenzero e spezie nordafricane, ha una forte concorrenza nei suoi compagni, patate dauphine e sformato di melanzane rubicondo e intenso. Il fegato viene affettato più spesso di prima, il che lascia trasparire la sua carnosità; aceto di sherry, capperi e olive poi fanno la loro magia in una salsa per il sostanzioso secondo piatto. Prima di Vetsch, i fagiolini venivano serviti tutto l'anno. In questi giorni, tutte le verdure più o meno raccontano il periodo dell'anno. Lo chef dice che la sua missione è mantenerlo interessante.

Quello lo fa. La trota dorata saltata si accompagna allo stesso modo con un'insalata di cipolle e mele tagliate a julienne, dolce e piccante, morbida e croccante. Tenere insieme l'elegante slaw è la maionese fatta in casa. Il beige non è mai stato così buono. Il pollo croccante alle erbe insieme al riso basmati color zafferano e punteggiato di ribes è un'attrazione alimentata da una piccola brocca di citronella liquefatta, peperoncini tailandesi e altro ancora.

Anche Vetsch sa lasciare da solo ciò che è buono. Le guance di vitello brasate di Lepic, adagiate su pasta di conchiglie alla panna e alleggerite con basilico fresco, sono la stessa ricetta che mi ha attratto al bistrot apparentemente per sempre.

Non finisco mai un pasto al Lepic senza il molto francese? con flottante , la cui torreggiante isola di meringa, incrostata di mandorle a lamelle, galleggia su una pozza di salsa di crema alla vaniglia. Un finale più ricco è la crostata al cioccolato calda e satinata.

Questi e altri piatti vengono consegnati da uno staff attivo che potresti ricordare dalle visite a Parigi, tranne per il fatto che l'equipaggio di Washington fa più sorrisi.

La mia nota di mash per Lepic arriva con un avvertimento. Il ristorante da 48 posti non è progettato per indugiare, almeno non se sei l'americano medio. I tavoli sono così ravvicinati che ti ritrovi a fare il piedino con gli sconosciuti e a sbattere le spalle al muro. I diplomatici potrebbero definire accogliente la sala da pranzo. Ma claustrofobia è una descrizione più accurata. Lepic ha aggiunto dei pannelli fonoassorbenti al soffitto alcuni anni fa. Ora dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di rimuovere un tavolo o due per dare più spazio ai commensali.


I confini dello spazio nella sala da pranzo del Bistrot Lepic possono creare problemi. (Dixie D. Vereen/Per TEQUILA)

Il no il wine bar ha un problema simile: sedie a sdraio così basse da sembrare progettate per Munchkin e tavoli senza spazio sufficiente per ordini più grandi di diversi piatti. (Il cestino del pane si annida in un cassetto estraibile.) Almeno due sere su sette, la musica dal vivo si rivela una piacevole distrazione.

[ I ristoranti stanno diventando così bui che è difficile leggere i menu. ]

Al piano di sotto, la consolazione arriva dall'artista locale Izette Folger, i cui dipinti mutevoli completano una riproduzione di Paris Street; Rainy Day del pittore impressionista Gustave Caillebotte che ha attirato gli sguardi sulla parete di fondo da quando lo chef fondatore Bruno Fortin ha aperto il locale nel 1995.

Dieci anni fa, Fortin ha acquisito un partner commerciale, ex Cafe Milano allenatore Cyrille Brenac. Gli uomini sono anche comproprietari di La Piquette , un'attrazione più giovane vicino alla Cattedrale nazionale di Washington. Insieme allo chef Vetsch, il trio di Lepic dimostra l'importanza della vecchia guardia e una gradita tregua, per quanto fugace, dal non testato.

2,5 stelle

Posizione: 1736 Wisconsin Ave. NW.202-333-0111. www.bistrotlepic.com.

Aprire: Pranzo dalle 11:30 alle 14:30 Da lunedì a venerdì; cena dalle 17:30 alle 21:30 domenica e lunedì, dalle 17:30 alle 22:00 Dal martedì al giovedì, dalle 17:30 alle 22:30 Venerdì e sabato; brunch dalle 11:00 alle 15:00 Sabato e domenica. Enoteca aperta 17:30 a mezzanotte tutti i giorni.

Priso: Antipasti per pranzo da a , portate principali da a ; antipasti per la cena da $ 8 a $ 19, portate principali da $ 18 a $ 32.

simonelli nuova

Controllo del suono: 70 decibel / Conversare è facile.

Per storie, funzionalità come Date Lab, Gene Weingarten e altro, visita WP Magazine .

Segui la rivista su Twitter .

Metti mi piace su Facebook .

Inviaci un'e-mail a .