Il pezzo cruciale della nuova cucina demo dello Smithsonian


I membri dello staff lavorano per preparare la nuova cucina dimostrativa e il palcoscenico dell'American History Museum, che debutta questa settimana. (Jaclyn Nash/Museo Nazionale di Storia Americana, Smithsonian Institution)

Per mesi, l'ufficio di Jessica Carbone è stato di fatto un magazzino per i prodotti donati che alla fine avrebbero trovato posto nella cucina dimostrativa all'interno della nuova ala dell'innovazione di 45.000 piedi quadrati al Museo Nazionale di Storia Americana . Quei gadget e quei costosi pezzi di pentole divennero presto una sorta di oggetti antistress.

Negli ultimi sei mesi, ogni volta che qualcuno aveva una riunione difficile o qualcosa su cui non voleva lavorare, veniva nel mio ufficio e diceva: 'Ho bisogno di una terapia al dettaglio. Cosa posso guardare?', afferma Carbone, associato di progetto per l'American Food History Project.

Mentre il personale potrebbe aver trovato conforto nei vasi Le Creuset, Zwilling J.A. I coltelli Henckel e le stoviglie in Pyrex, quei prodotti in natura, non sono stati ciò che ha aperto la strada alla cucina dimostrativa e al palcoscenico, un ornamento relativamente raro nei musei americani. No, l'oggetto che ha reso possibile lo spazio di cottura del progetto si libra molto al di sopra delle pentole e delle padelle: è un enorme sistema a soffitto ventilato Halton, che aspira i sottoprodotti della cottura che potrebbero danneggiare oggetti di valore nelle mostre vicine.



Abbiamo dovuto trovare la giusta ventilazione della cappa per fare esattamente ciò di cui avevamo bisogno, ovvero assicurarsi che non ci fosse fumo, odore e grasso di alcun tipo nell'edificio. L'abbiamo fatto, ed è grande, dice Susan Evans, direttore del programma del progetto.

È anche rumoroso. o era rumoroso all'inizio di giugno, quando lo staff dello Smithsonian, insieme allo chef, autore di libri di cucina e personaggio televisivo Pati Jinich, membro del comitato consultivo Kitchen Cabinet del museo, stavano caricando le attrezzature in cucina. Abbiamo riconfigurato un po' la ventola, dice Evans qualche settimana dopo, e il suono è stato completamente corretto.

[Perché Pati Jinich è un antidepressivo ambulante.]

Il che significa che il palco dimostrativo, ufficialmente noto come Wallace H. Coulter Performance Plaza, è pronto per il suo debutterà mercoledì, quando dimostrerà rapidamente la sua versatilità: ospiterà due atti musicali - lo Smithsonian Jazz Masterworks Orchestra Quintet e il DJ Will Eastman - al mattino prima di lanciare i suoi fornelli portatili alimentati a gas per un 2 p.m. dimostrazione sulla produzione di cioccolato dell'era coloniale.

Il palco trasformerà istantaneamente la programmazione del progetto per coinvolgere tutti e cinque i sensi dei quasi 5 milioni di visitatori annuali del museo. Non solo consentirà a chef, agricoltori, panettieri e insegnanti di condividere conoscenze pratiche, ma fornirà anche spazio per esperimenti di scienze alimentari e dimostrazioni di cucina storica. Ha anche un sistema integrato per i programmi webcast.

Con l'avvicinarsi del fine settimana del 4 luglio, il palcoscenico della cucina ospiterà il suo primo Food Friday, una dimostrazione a tema che vedrà la partecipazione di uno chef ospite, istruzioni culinarie e una lezione di storia. Chef e autore Curtis Aikens introdurrà il tema di luglio - Summertime in America - preparando salse barbecue, sfregamenti e un'insalata estiva fredda. I temi futuri esploreranno i movimenti del cibo nel XX secolo (agosto) e il mese del patrimonio ispanico (settembre).

Jinich sta già escogitando modi per utilizzare la collezione del museo per la sua dimostrazione prevista in ottobre come parte dell'inaugurazione Fine settimana sulla storia del cibo dello Smithsonian , pianificato come un'esplorazione annuale del cibo americano e delle persone e delle tecnologie che lo hanno influenzato. Ha gli occhi sul mondo prima macchina per margarita congelata , che è in mostra nella mostra in corso Cibo: trasformare la tavola americana, 1950-2000 .

Se parli dei messicani negli Stati Uniti e di chi ha inventato il primo margarita [congelato] e essendo in grado di mostrare alle persone che questa è stata la prima macchina per margarita. . ., dice Jinich, così animata da parlare per frammenti. Dove altro puoi farlo? Questo è semplicemente appetitoso per me.

Il commento di Jinich sottolinea un punto importante sulla fase della cucina: non siamo una scuola di cucina, afferma Evans. Siamo un museo di storia, quindi i nostri programmi sono sempre incentrati sul creare davvero quel collegamento tra ciò che mangi e la storia che c'è dietro.

Il palco non è nemmeno una cucina commerciale, il che significa che il cibo preparato durante il normale orario del museo non sarà disponibile al pubblico. (Saranno disponibili campioni per eventi fuori orario, che richiedono un biglietto.) Ma gli chef in visita condivideranno una ricetta con il fornitore di servizi di ristorazione del museo, Restaurant Associates, in modo che i cuochi dell'azienda possano preparare un piatto ispirato da esso, quindi renderlo disponibile nello Stars and Stripes Cafe del museo.

Non può essere una ricetta complicata: sebbene il palcoscenico della cucina abbia molte attrezzature e gadget avanzati, non ha un team di preparazione a tempo pieno.

Non possiamo davvero fare molto prima della demo stessa, a parte la misurazione di base, il taglio di base, lo scongelamento e una sorta di preimpostazione dell'attrezzatura, afferma Carbone. Quindi, se qualcuno vuole fare il bourguignon di manzo, può portare tutti gli ingredienti e noi possiamo farne una discreta quantità sul palco. Ma poi dovremo tirare fuori dal forno un bourguignon di manzo magicamente finito.