Recensione di Iron Gate: rilassati vicino a qualsiasi fuoco. L'ordine è flessibile.


La sala da pranzo di Iron Gate: niente più menu separati. (Dixie D. Vereen/Per TEQUILA)

Anche se lo chef del romantico Cancello di ferro dice che il suo ristorante ha trascorso tre anni rispettabili a Dupont Circle, Tony Chittum ammette che il suo formato originale - menu diversi a seconda di dove ti trovavi - ha confuso alcuni commensali.

Pensa di aver risolto il problema, anche se le opzioni di Iron Gate sono cresciute. Da questo mese gli avventori possono ordinare da un menù alla carta, un menù degustazione o un piano famiglia e possono mangiare dove vogliono all'interno del ristorante storico: il bar, il patio o il retrobottega.

Vogliamo rendere felici tutti coloro che entrano dalla porta, afferma Chittum.



Considerami soddisfatto del nuovo menu degustazione di sei portate dello chef, un piatto italiano da 90 dollari che è meglio prendere nell'accogliente sala da pranzo con i suoi divanetti bordeaux, la cucina aperta e il fuoco vivo. La serata si snoda come un buon romanzo: i tortellini di polenta affumicata passano al merluzzo in un cerchio di cozze allo zafferano e si spostano alla bistecca cremisi: bisonte servito come una ghirlanda con barbabietole che vengono alternativamente arrostite, in salamoia e crude. Tutto ciò che riguarda il pasto - la focaccia che non riusciamo a smettere di inalare, i vini lavati con retroscena interessanti, il budino al cioccolato che conclude il pasto con un sospiro - ti fa venire voglia di rivisitarlo.


Tortellini di Polenta Affumicata con Funghi Trombetti, Uovo di Quaglia e Tartufo Invernale a Porta di Ferro. (Dixie D. Vereen/Per TEQUILA)

Un'altra serata, più divertente: cena composta da una dozzina di piattini, una passeggiata nel cortile in mattoni che separa il bancone (adoro il soffitto a volta) da quella che un tempo era la sala di degustazione dello chef.

L'hummus fatto con purea di fagioli, condito con olio di harissa e raccolto con cracker di finocchio fatti in casa, andrebbe bene ovunque. Non fa male che sto mangiando lo spuntino sotto i rampicanti con luci bianche e accanto a un pozzo del fuoco incandescente. Risotto a filo con nocciole tostate, rosmarino fritto e funghi cremini, affumicati dal loro tempo nel forno a legna, mi tiene al mio posto. Il prossimo piatto sarà altrettanto favorevole? Il cotechino fatto in casa a ventaglio su un'insalata di lenticchie, cremoso con tahini, è delizioso in ogni boccone, e adoro il calore sornione della salsiccia di maiale, dai fiocchi di peperoncino tritato.

L'unico piatto che un compagno e che non riesco a finire sono i calamari ripieni di feta su una pozza di crema di senape troppo dolce. Ma lo sfondo, compresi i vasi di erbe che abbelliscono la recinzione e alcuni brani di Michael Jackson, compensa il piccolo errore. È febbraio e ceniamo all'aperto!

Per quanto mi piacerebbe che l'inverno fosse inverno, dice Chittum, il tempo è stato buono per gli affari.

L'unica volta che mi sono esibito all'Iron Gate, parte del Neighborhood Restaurant Group, è stata la sera in cui ho chiesto informazioni sull'assortimento in stile familiare e mi è stato detto che dovevano ordinarlo almeno quattro persone. La mia festa era di una persona corta. Quindi posso dirvi solo che il menu costa $55 a persona per quattro portate, iniziando con antipasti caldi e freddi condivisi, continuando con pasta e un piatto principale e finendo con il dessert. All'inizio di questa settimana, il lotto includeva rigatoni con funghi affumicati, lonza di maiale arrosto e zabaione con mela compressa. (In una conversazione telefonica di follow-up, Chittum ha affermato che si potrebbero fare eccezioni per gruppi di meno di quattro persone.)

Il nuovo format di Iron Gate è liberatorio. Il crepitio non è più limitato agli incendi.

1734 N St. NW. 202-524-5202. irongaterestaurantdc.com . Piatti à la carte, da $6 a $75 (per gli antipasti per due).