Il titolo di miglior chef femminile del mondo è 'stupido'. Basta chiedere a una donna che l'ha vinto.

La chef britannica Clare Smyth nel 2012. (Valery Hache/AFP/Getty Images)

DiMaura JudkisReporter 26 aprile 2018 DiMaura JudkisReporter 26 aprile 2018

Mercoledì, la chef britannica Clare Smyth è stata nominata la migliore chef donna del mondo , un onore conferito ogni anno da World's 50 Best, un'organizzazione di classificazione dei ristoranti. E, come è successo negli ultimi anni, si è alzato un coro di voci per porsi la domanda: perché esiste questo premio?

Premiare una migliore chef donna potrebbe sembrare in superficie come se fosse in linea con lo spirito del tempo culturale di quest'anno, date le recenti e molto pubbliche domande del settore della ristorazione su come tratta le donne e perché poche di loro sono salite ai ranghi più alti. Ma il premio è stato a lungo fastidioso per le donne del settore, alcune delle quali dicono che è una copertura per la mancanza di donne dell'organizzazione nella classifica generale.



La chef di San Francisco Dominique Crenn, che ha vinto il premio nel 2016, ha espresso a lungo la sua frustrazione nei confronti del concetto di premi di genere.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Se dai a uno chef un premio femminile, alienerai quel genere all'altro, ha detto a TEQUILA in un'intervista prima della sua serie di cene Women in Food al Petit Crenn di San Francisco, il giorno prima che Smyth vincesse il premio. Non siamo uno sport. Ci trattano come se fossimo uno sport.

[ Stupro nel ripostiglio. A tastoni al bar. Perché l'industria della ristorazione è così terribile per le donne? ]

prezzo del caffè luwak in vietnam

Basandosi sulla sua biografia, è chiaro che Smyth è riuscita in cucine spietate gestite da uomini: è una protetta dello chef e personaggio televisivo britannico costantemente furioso Gordon Ramsay, e ha trascorso 13 anni nei suoi ristoranti. Era l'unica chef donna in Gran Bretagna a guadagnare tre stelle Michelin quando gestiva il ristorante Gordon Ramsay. Ha continuato ad aprire il suo ristorante londinese, Core di Clare Smyth, con un menu degustazione che mette in mostra la sua moderna interpretazione della cucina francese. È la prima donna britannica a vincere il premio.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Abbiamo ancora una reale mancanza di donne riconosciute ai vertici del settore e dobbiamo fare qualcosa al riguardo - non lo cambieremo ignorandolo, ha detto Smyth in un post sul blog sul sito World's 50 Best . A volte devi esagerare riconoscendo le donne e dando loro una piattaforma in modo che possiamo davvero iniziare a cambiare le cose e correggere nuovamente l'equilibrio. Ci sono molte giovani donne che arrivano nelle migliori cucine di tutto il mondo e per me questo premio è per loro.

Smyth ha ragione sul fatto che la rappresentazione conta. Ci sono tavole rotonde e giurie di premi e migliori liste che vengono prodotte senza un solo volto femminile su di loro – o persona di colore, se è per questo. Questa mancanza di visibilità contribuisce a un sistema che rinuncia ai talenti sottorappresentati, il che a sua volta rende più difficile per le donne del settore avviare e gestire le proprie attività. Alcune chef donne, tra cui la vincitrice dell'anno scorso, Ana Ros, pensano che, poiché l'esperienza di una chef donna è davvero diversa, dovrebbe essere nella sua categoria.

Avevo amici chef che mi dicevano che dovevo salire sul palco e dire che non lo accetto, ha detto a Bloomberg . Ho detto: 'Hai mai detto di no a un premio?' Quindi ecco la mia spiegazione. È molto chiaro per una donna in un mondo maschile, sarà sempre difficile. Una donna ha tanti ruoli - come madre, come moglie, come amante, come domestica - e poi cerchi di inserirti in 14 o 16 ore di lavoro.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

D'altra parte, i migliori premi femminili mettono le donne in una categoria separata rispetto - è implicito - ai veri chef (leggi: maschi), quindi offrire un premio per sole donne potrebbe essere solo un modo per un'organizzazione di apparire come se stesse facendo il cosa giusta. Solo tre donne fatte la lista dei 50 migliori del mondo dello scorso anno . Invece di fare il lavoro per elevare le donne nel settore - e, di conseguenza, per dare loro una possibilità migliore nelle classifiche principali - questi gruppi separano le donne nei loro premi come un modo per compensare eccessivamente. È lo stesso motivo per cui alcuni mettono in discussione qualsiasi elenco di chef donne, come uno recente da USA Today che Eater ha soprannominato Raccoglitori pieni di donne, edizione ristorante .

Per non parlare, il premio World's 50 Best è distribuito con criteri incoerenti. La donna che vince come miglior chef femminile in genere non è la donna con il punteggio più alto nell'elenco principale; nel 2017, quella sarebbe Elena Arzak, il cui ristorante a San Sebastian, in Spagna numero classificato 30 . Crenn, la migliore chef donna al mondo nel 2016, non è nemmeno entrato nella lista dei primi 100 quell'anno. Nel 2017, il suo ristorante Atelier Crenn è stato il n. 83.

Puoi promuovere le donne in un modo diverso, ha detto Crenn. È stupido. Uno chef è uno chef.

Scopriremo se il ristorante di Smyth si colloca nella lista 2018 quando sarà pubblicato il 19 giugno.

Altro dal cibo:

I ristoranti di Mike Isabella hanno utilizzato accordi di non divulgazione per mettere a tacere i conti di molestie sessuali, sostiene la causa

Come il cambiamento dei gusti sta uccidendo i ristoranti tedeschi

Le donne dominano i lavori di pasticceria. Allora perché la nuova stagione di Chef's Table di Netflix è principalmente maschile?

vitek vt-1502
GiftOutline Articolo regalo Caricamento...